La surroga del mutuo spiegata bene

Servizi

Oggi per molti la surroga del mutuo è ancora una possibilità che spesso non viene colta poiché non se n conoscono a dovere i meccanismi. In questo breve articolo cercheremo di spiegare nel dettaglio le caratteristiche di questa opportunità prevista dalla legge atta ad agevolare i contribuenti con mutui più convenienti.

 

Qual è lo scopo della surroga del mutuo?

Ipotizziamo che tu abbia stipulato un mutuo per l’acquisto della prima casa con la Banca A. Sono passati già diversi anni e per puro caso scopri che i tassi d’interesse offerti dalla Banca B sono molto più convenienti e vorresti poterne godere. La surroga del mutuo è quel procedimento che ti permette di trasferire un il contratto del mutuo da un istituto di credito all’altro senza doverne aprire uno nuovo e senza perdere quanto versato fino a quel momento.

Come puoi evincere, si tratta di uno strumento potentissimo nelle mani dei contribuenti poiché esso ha lo scopo di agevolare una riduzione delle spese, oltre che ad alimentare il libero mercato. Il trasferimento è piuttosto semplice e può avvenire in due modalità che andremo ad elencare qui sotto.

 

I due tipi di surroga del mutuo

Esistono due modi per poter effettuare la surroga del mutuo: Il primo, definito surroga bilaterale, prevede solo l’interazione fra il soggetto debitore (tu) e il nuovo istituto di credito verso il quale vuoi spostare il mutuo. Si tratta del metodo più facile e rapido per ottenere la surroga e richiede solo un separato atto universale di quietanza.

Il secondo modo è definito surroga trilaterale poiché ai due soggetti sopra elencati se ne aggiunge un terzo, ovvero la banca che originaria che ha concesso il prestito. In questo caso sarà necessario presentare il nuovo contratto completo di tutte le informazioni del caso, la quietanza di estinzione e l’impegno a non cancellare l’originaria ipoteca.

Written by Siro Arcuri

Leave a Reply